“Il Creatore ha piantato un ALBERO SACRO sotto il quale potersi riunire per trovare Guarigione, potenza, saggezza e sicurezza.

Le radici di questo albero penetrano profondamente nel cuore di Madre Terra.

I suoi rami sono protesi verso l’alto come mani in preghiera a Padre Cielo.

I frutti dell’Albero sono le buone cose che il Creatore ha dato alla gente: gli Insegnamenti. Mostrano la via verso Amore, Compassione, Generosità, Pazienza, Saggezza, Giustizia ,Coraggio, Rispetto, Umiltà e molti altri straordinari doni.

Gli Anziani ci hanno insegnato che la Via dell’Albero è la Vita stessa della gente. Se la gente vaga lontana dall’ombra protettiva dell’Albero, scordandosi di cercare nutrimento nel suo frutto, o si rivolge all’Albero per distruggerlo, non farà altro che attirarsi contro grande sofferenza e distruzione. Il Cuore di molti si ammalerà. Le persone perderanno il loro potere. Smetteranno di sognare e di vedere nei sogni la loro Visione. Cominceranno a litigare per cose futili. Non saranno più capaci di dire la verità e di relazionarsi gli uni con gli altri in modo onesto. Non sapranno più come sopravvivere nella loro stessa terra. Le loro vite si colmeranno di tristezza e rabbia. Un pò alla volta si avveleneranno, avvelenando tutto quanto toccheranno.

E’ già stato predetto: tutto ciò passerà, ma l’Albero non morirà mai.

Fino a quando l’Albero vivrà, la gente avrà vita.

E’ stato anche predetto che sarebbe arrivato per tutti il momento di risvegliarsi come dall’intossicazione di un lungo sonno; che avrebbero cominciato, timidamente all’inizio e successivamente con grande necessità ed urgenza, a cercare ancora l’Albero Sacro.

La conoscenza delle sue caratteristiche e dei frutti che ne adornano i rami è sempre stata preservata con amore e attenzione nelle menti e nei cuori dei nostri saggi capi e antenati.
Queste Anime amorevoli dedicate ed umili, guideranno chiunque cerchi onestamente e sinceramente il sentiero che porta al rifugio dell’ombra dell’Albero Sacro”.
( The Spirit Sacred Three)

Sentiamo nel profondo del nostro cuore quanto questi insegnamenti continuino a guidarci, ad attraversare indenni e solidi cicli su cicli , vite su vite, secoli e secoli e quanto riescano ogni volta, a riportarci con lo sguardo rivolto al centro, a quel centro che non rappresenta solo un luogo fisico e struttura portante del nostro pianeta un tempo visibile e ammirabile da tutti gli Esseri, ma anche al nostro sacro centro, il nostro asse portante, che ha il suo fulcro alchemico e vitale, nel nostro cuore.

La quasi totalità delle persone che hanno vissuto durante l’era che sta finendo, nel vecchio Mondo, sono lontane da questo Albero Sacro, dalla vera Storia del Mondo, dalle Sacre Memorie, e ha vissuto secoli millenni in completa dimenticanza e per un certo verso anche alcuni percorsi spirituali ci hanno mantenuto ad un livello evolutivo “in linea” con il grande sonno se pure donandoci un effetto placebo e rassicurante. E’ stato così e ha avuto un senso che lo sia stato…per quel tempo.

La via Rossa, gli insegnamenti tradizionali indigeni sono sempre stati attivi, visionari , simbolici ma tramandati con semplicità, silenzio e praticità, spesso incomprensibile alle menti bisognose di attenzione e spiegazioni di ogni virgola dei discendenti della Scienza e del Razionale.

Adesso è tempo del Ricordo.

Adesso è tempo di equilibrare interno ed esterno.

Non è più tempo per “immaginare figure di Luce” rimanendo seduti in meditazione nella propria stanza, o meglio, non è più il tempo di fare solo questo.

E’ arrivato il Tempo della Spiritualità pratica e applicata, di fare attivismo, di scendere anche allo scoperto, nella nostra vita quotidiana diffondendo la nostra Visione e se necessario combattere per essa prendendo una chiara posizione verso ciò che è giusto, buono, vero. non sbraitando, ma essendo forti e chiari nel nostro Intento.

Ogni Leader Spirituale ha combattuto, per mantenere e tramandare gli insegnamenti, per “morire senza morire”, per vivere in coerenza con i principi Madre di tutti gli Esseri che hanno vita.
Un Nuovo Mondo sta nascendo e con esso cadranno ombre e mostri che non dovremo accogliere e portare nelle nostre case e nelle nostre vite.

E’ ora di unirci, tutti in Cammino, e tornare al centro del Grande Albero perchè esso è sempre stato lì e sorregge il nostro mondo.

Restiamo ben attivi interiormente ed esteriormente, affinchè Luce e ombra, dentro e fuori, si rivelino per ciò che sono: facce dell’Uno che girano in Cerchio e noi possiamo trasformarle e veicolarle con scelta e coscienza , nella nostra vita e per il mondo.

Vicini all’Albero Sacro, sotto i suoi rami ritroviamo il giusto
RADICAMENTO che ci toglie dall’incertezza e dalla divisione e soprattutto smettiamo di alimentare la credenza di dover “lottare e fuggire” senza sapere da chi e da che cosa ; e inizieremo anzi a ritrovare quella rete di contatti, Anime, situazioni che sono state da sempre presenti nelle nostre Visioni e che ci attendevano esattamente dove è iniziata tutta la Creazione.

Nessuno ci chiederà mai di abbandonare la paura, è solo mettendoci realmente in Cammino , che ci accorgeremo che passo dopo passo, con costanza e perseveranza, la paura è rimasta là da dove era arrivata.

Adesso siamo chiamati ognuno a compiere i nostri passi, perchè ci è richiesto, e perchè quell’ombra scura che ci riparava non è in realtà quel Grande Albero Sacro che credevamo, non era quella fresca ombra ristoratrice e protettiva che in cuor nostro ricordavamo.

Benvenuto Grande Albero!
Adesso possiamo vederti maestoso proprio lì, al centro della nostra Vita e nelle nostre Visioni e molti altri riusciranno a vederti e a tornare a Te.
Aho
Mitakuye Oyasin!

Grazie a tutto ciò che nutre Anima, Mente, Corpo con emozioni elevate.
Svegli e Ribelli Forti e Uniti e …in Cammino!
Jessica e Giordano

CONDIVIDI L'ARTICOLO